Auto elettrica, ecco cosa pensano i concessionari

L’auto elettrica rappresenta uno degli sbocchi futuri dell’automotive. Al momento la diffusione è scarsa (in Italia circolano meno di 10.000 auto elettriche). Tra i principali motivi, ci sono l’autonomia limitata, il prezzo troppo alto e la mancanza di infrastrutture di ricarica.

motorizzazioni auto elettriche

Le immatricolazioni, seppur basse, sono comunque in continua crescita. Nei primi quattro mesi del 2018 sono state vendute 1.185 auto elettriche, 243 solo ad aprile. Scopriamo come i dealer si stanno attrezzando per la vendita dell’auto elettrica.

AUTO ELETTRICA A NOLEGGIO A LUNGO TERMINE

“Dobbiamo essere un cuscinetto tra le esigenze del cliente e quello che propongono i brand rappresentati in showroom”, afferma Niccolò Brandini, del Gruppo Brandini. “Di sicuro l’auto elettrica conquisterà una buona fetta di mercato nei prossimi anni, ma non sostituirà il motore termico. Noi stiamo lavorando con i Comuni e le province dove siamo presenti dal punto di vista territoriale, per spingere verso una maggiore diffusione delle colonnine di ricarica, che rappresenta uno degli ostacoli dell’auto elettrica”.

VIDEO: AUTO ELETTRICA, COME SI STANNO PREPARANDO I CONCESSIONARI?

Per quanto riguarda l’offerta di mobilità, “il prezzo delle auto elettriche è ancora troppo alto, rispetto ai modelli tradizionali. Per questo motivo, una formula di noleggio a lungo termine, di 3 o 4 anni, potrebbe essere più interessante per un acquirente che si affaccia al mondo dell’elettrico. Stiamo puntando su questo tipo di offerte commerciali (scopri qui le promozioni del Gruppo Brandini sul noleggio)”, conclude Brandini.

Leggi anche: i dealer devono specializzarsi e adeguare le strutture per la vendita delle auto elettriche

L’AUTO ELETTRICA COME AUTO SOSTITUTIVA

Il Gruppo Trivellato, oltre alla formula del noleggio, anche a breve termine, delle auto elettriche, propone dei test drive prolungati dei modelli, per dare al cliente la possibilità di vivere un intero weekend interfacciandosi con questo nuovo tipo di alimentazione.

auto elettrica evento h2r ecomondo 2017

Trivellato, inoltre, mette a disposizione l’auto elettrica come auto sostitutiva, per i pit-stop in officina. In questo modo il cliente può toccare più da vicino queste vetture a zero emissioni, comprendendone meglio il funzionamento e anche il comportamento su strada.

Imprescindibile l’aumento delle colonnine di ricarica in sede, unito alla stipula di accordi per i contratti di fornitura di energia elettrica.

Leggi anche: le 5 auto elettriche in concessionaria nel 2018

L’AUTO ELETTRICA? UNA SFIDA PER L’INNOVAZIONE

L’auto elettrica rappresenta anche una sfida per l’innovazione, dal punto di vista del dealer. La formazione ha un ruolo fondamentale, a partire dalla vendita, visto che l’identikit del consumatore è diverso. Anche il post vendita, però, deve adeguarsi (scopri di più qui sulla riparazione delle auto elettriche). “Chiaramente, alla formazione del personale deve corrispondere una dotazione interna in termini di struttura”, sottolinea Elena Lucicesare, di Autorigoldi.

Un cambio di approccio, da stimolare con progetti ad hoc, per attrarre e convincere il cliente. “Di sicuro l’auto elettrica rappresenta una grande opportunità per il business dei dealer”, sentenzia Plinio Vanini, di Autotorino.

Scrivi un commento

Rispondi a Alkè Cancella risposta

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*

Commenti

  1. L'auto elettrica fatica a prendere piede in Italia, per colpa sicuramente del prezzo elevato e dell'infrastruttura pressoché assente. Le colonnine di ricarica sono ancora troppo poche per convincere un potenziale acquirente a comprare. Però, le iniziative delle concessionarie per far conoscere il veicolo elettrico e sdoganarlo anche in Italia sono molto interessanti. Già il noleggio a lungo termine potrebbe essere una soluzione per chi vuole "provare" l'elettrico.