Le 10 proposte per far “decollare” la mobilità elettrica

Italia e auto elettriche: un legame che, per ora, non decolla. Il nostro Paese, infatti, è attualmente la “Cenerentola” d’Europa nelle vendite delle vetture a zero emissioni, con meno di 10mila unità immatricolate dal 2011 al primo trimestre di quest’anno. Come fare per dare una spinta? Se ne è parlato nel corso di un Tavolo di Lavoro sulla mobilità elettrica andato in scena la settimana scorsa al Festival dell’Energia di Milano.

auto elettriche proposte crescita

Il confronto tra addetti ai lavori è stato coordinato da Pietro Menga (CEI Cives) e ha visto la partecipazione di ANCI (l’Associazione Nazionale Comuni Italiani), O-per, Roedl & Partner, di alcuni produttori di colonnine – A2A, Duferco Energia e Yess Energy -, del docente universitario Corrado Poli e della rivista specializzata Fleet Magazine.

LE CONCLUSIONI

Il punto di partenza è chiaro: l’Italia, finora, si è mossa con estrema timidezza sullo sviluppo delle auto elettriche, come dimostrano anche i risultati della survey condotta dalla nostra redazione e pubblicata nei mesi scorsi. Occorre, dunque, recuperare il ritardo e accelerare la diffusione. Dato che gli incentivi dedicati sono tuttora un punto interrogativo e stentano ad arrivare, il Tavolo coordinato da CEI Cives ha scelto di concentrarsi su misure a costo zero per le istituzioni e la collettività.

Sono emerse 10 proposte, rivolte ai diversi attori coinvolti (tra cui anche i concessionari e le Case), che possiamo suddividere in tre aree (ricarica, informazione, politiche di stimolo). Eccole nel dettaglio.

APPROFONDISCI: Ricarica rapida per le auto elettriche, l’esperimento di Spin8

LA RICARICA DELLE AUTO ELETTRICHE

  • Il primo punto consiste nel recuperare il forte ritardo nello sviluppo della rete di ricarica pubblica, con i fondi già disponibili (es. Piano PNIRE).
  • In secondo luogo, attuare i vincoli della Direttiva UE per spingere l’obbligatorietà di una rete di ricarica negli edifici di futura costruzione e nella ristrutturazione dei vecchi.
  • Diffondere la possibilità di ricarica negli edifici esistenti, dato che oltre la metà delle auto sono ricoverate in box e posti auto in cui basterebbero adeguamenti degli impianti.
  • Spingere, attraverso partnership e sinergie, verso formule standard di fornitura “chiavi in mano” del veicolo e della ricarica.

INFORMAZIONE E MARKETING SULLE AUTO ELETTRICHE

  • Per quanto riguarda i concessionari, serve un convinto impegno della rete di vendita delle Case. Che, da parte loro, devono promuovere formule di informazione e di marketing differenziate da quelle dell’auto tradizionale e più stimolanti per l’acquirente. Qualche esempio: dare maggior risalto al basso costo d’esercizio del veicolo elettrico, attuare politiche di prezzi e finanziamenti più favorevoli, fornire garanzie sul valore residuo delle auto elettriche.
  • Da parte dei Costruttori, serve poi l’impegno di assumere un ruolo proattivo nella diffusione del car sharing elettrico, ponte verso la mobilità a zero emissioni.

 

LEGGI ANCHE: L’alleanza dei Costruttori per le auto elettriche

POLITICHE DI STIMOLO DA PARTE DEI COMUNI

  • Offrire valide motivazioni individuali ai cittadini, attraverso misure ben precise, in primis regole favorevoli per la sosta e gli accessi alle ZTL.
  • Adottare queste misure entro un quadro armonico e coerente tra le diverse città.
  • Favorire una maggior diffusione del car sharing elettrico.
  • Stimolare l’introduzione delle auto elettriche nei segmenti di mobilità con maggiore efficacia: logistica dell’ultimo miglio, flotte aziendali, TPL, mobilità leggera, flotte delle amministrazioni comunali.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*