Mercato auto europeo: estate positiva, l’Italia è ancora in testa


mercato-auto-europeo-agosto-2016 In Europa, mercato in crescita

Sulla scia del primo semestre 2016, anche nei mesi più caldi dell’anno l’Italia si ritaglia un posto da protagonista. I dati del mercato auto europeo agosto 2016, diffusi dall’Acea insieme a quelli di luglio, ne danno la lieta conferma. Tutti i principali mercati europei, nei primi 8 mesi dell’anno, restano in territorio positivo. In attesa del cambio targa, buona la performance estiva del Regno Unito, che da gennaio ad agosto registra un +2,8%. La Germania è cresciuta del 5,7% e la Francia del 6,1%. Ha fatto di meglio la Spagna (11,3%) mentre l’Italia, come accaduto nel primo semestre 2016, compare ancora tra i Paesi più dinamici. Il Belpaese, infatti, ha chiuso in doppia cifra sia il mese di agosto (+20,1%) che i primi 8 mesi dell’anno (+17,4%).

CRESCITA ITALIANA

I Paesi dell’Ue a 28 (più Efta) a luglio registrano un piccolo rallentamento (-1,8% con 1.163.087 vetture) interrompendo una striscia positiva che durava ben 34 mesi. Ad agosto, invece, si registra un nuovo slancio (+9,5%). Complessivamente da gennaio 2016 sono stati immatricolati in Europa 10,1 milioni di veicoli (+7,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno). Uniche eccezioni la Svizzera e l’Olanda. “Il segnale che arriva dall’Olanda non dovrebbe essere sottovalutato perché conferma che il percorso verso una nuova mobilità sostenibile va preparato e accompagnato”, ha detto Romano Valente, direttore generale dell’Unrae. Un percorso che dovrà avvenire anche in Italia e per il quale l’Unrae invoca il ricorso a una cabina di regia coordinata da un Mobility Champion.

LE KM ZERO

“Ad agosto e nei primi 8 mesi del 2016 – commenta il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi – le immatricolazioni italiane hanno in pratica raddoppiato quelle della media europea. Le promozioni messe in campo da Case e concessionarie hanno fatto la differenza ma, a nostro avviso, il mercato italiano è anche caratterizzato dal ricorso alle kilometri zero, che aumentano i volumi ma non certo la redditività. Negli altri Paesi europei – ha concluso Pavan Bernacchi – il fenomeno delle kilometri zero non esiste o comunque ha un utilizzo molto contenuto. E ad ogni modo, purtroppo, molte kilometri zero estere tornano in Italia per creare concorrenza sleale ai concessionari che hanno in piedi investimenti massicci per gli standard dei Costruttori”.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*