Sicurezza alla guida: il ruolo (fondamentale) dei concessionari


sistemi assistenza alla guida I sistemi di sicurezza alla guida propongono nuove soluzioni per agevolare l'automobilista

L’era dei sistemi di assistenza alla guida non avrà mai fine. I concessionari da tempo hanno iniziato ad approcciarsi con le novità proposte ciclicamente dalle Case automobilistiche. Soprattutto hanno l’arduo compito di proporle agli automobilisti e cercare di farle calzare alle loro esigenze. Si parla da tempo degli Adas (Advanced driver assistance systems), sensori che aiutano e agevolano l’automobilista, soprattutto in occasioni complesse.

SISTEMI DI ASSISTENZA ALLA GUIDA: UN SUPPORTO ALLA SICUREZZA

I sistemi di assistenza alla guida, ormai, sono fondamentali.  Gli automobilisti sono sempre più connessi e al volante hanno tante distrazioni. Per fortuna le soluzioni per viaggiare in sicurezza sono tante e si perfezionano con il tempo. Si è passati dai semplici auricolari al comando installato sul volante per controllare la rubrica degli smartphone, fino al cruscotto con display per il navigatore. Ora è arrivato il momento del parabrezza intelligente. Senza far spostare l’attenzione e lo sguardo al pilota dalla strada, quest’ultimo fornisce tutte le informazioni che il conducente cerca mentre in marcia. Il compito dei concessionari è stare al passo con le new entry e soddisfare le richieste sempre più attente dei clienti. Soprattutto, è importante spiegare il funzionamento dei sistemi tecnologici cui la vettura è dotata. Suggerire e lasciare poi scegliere al cliente quali sono gli optional per la sicurezza è fondamentale,così  come avere la giusta formazione per illustrarli.

NUOVI PROGETTI

Cosa bolle in pentola in fatto di novità per i sistemi di assistenza alla guida? Stando ai ben informati per sviluppare al meglio il parabrezza intelligente si sono messi al lavoro i produttori coreani Kia e Hyundai, siglando un accordo con la startup Vtouch. In questo caso, stanno lavorando su come agevolare con il solo gesto di un dito rivolto verso il parabrezza il cambio di una canzone senza distrazioni. Non solo, tutto o quasi quello che generalmente facciamo al cellulare viene così proiettato lasciando la visuale per la guida e supportando le richieste del driver. Tutto questo e molto altro si basa sullo sviluppo della tecnologia Heads-Up Displays (HUDs), che l’azienda si Seoul potrebbe già inserire per i modelli Kia e Hyundai a partire dal 2018.

Per i concessionari i comandi gestuali non sono una novità: BMW per la Serie7 propone un Gesture Control, cui con il gesto della mano è possibile accedere a determinate funzioni di comando della vettura. Anche Tesla da un po’ ha intrapreso la stessa strada, per permettere agli automobilisti di non rinunciare a fare altro mentre sono alla guida. Ovviamente, in totale sicurezza.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*