Automotive Dealer Day 2020 Digital Edition: ecco come cambia il business dei concessionari

Venditore cliente concessionaria

Efficienza, espansione e sperimentazione: sono queste le parole chiave per il futuro dei dealer, oggi alle prese con il delicato periodo di ripartenza post-Covid. Lo ha detto Leonardo Buzzavo, docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia e coordinatore tematico di Automotive Dealer Day, introducendo la Digital Edition dell’evento di Quintegia.

“Stiamo assistendo a un cambio di linguaggio importante: l’auto diventa un ‘di cui’ e la distribuzione auto entra nel mondo della mobilità a 360 gradi” ha spiegato Buzzavo. Che poi ha ribadito il ruolo fondamentale che gli operatori hanno avuto in questi mesi.  “Il 61% dei dealer ha intrapreso attività solidali per la sua comunità in risposta all’emergenza Covid-19, una percentuale che sale all’86% se si considerano quelli con un fatturato oltre i 150 milioni”.

AUTOMOTIVE DEALER DAY 2020 DIGITAL EDITION: I SENTIERI DI TRASFORMAZIONE DEI CONCESSIONARI

Il numero degli imprenditori, come ha spiegato Buzzavo, “negli ultimi 10 anni si è dimezzato e nei prossimi 10 anni si stima un ulteriore calo del 10%”. Sicuramente stiamo vivendo un periodo di grande cambiamento. I “sentieri di trasformazione” riguardano il ruolo sempre più importante del noleggio (guarda i risultati della nostra survey), lo sviluppo di veri e propri super-store e “l’era della coesistenza” che ormai sta diventando realtà.

Leonardo Buzzavo Automotive Dealer Day 2020

“Coesistenza di prodotto e servizio, di alimentazioni termiche e elettriche, di fisico e digitale, di proprietà e fruizione” ha spiegato Buzzavo.

Leggi anche: il programma dell’evento di Quintegia

ELETTRICO? NO IBRIDO

L’annuale Automotive Customer Study di Quintegia, presentato nel corso della mattinata inaugurale dell’evento, rivela un cambio di rotta dei consumatori sulle alimentazioni alternative. Le auto elettriche sono meno gettonate rispetto al sentiment dello scorso anno: gli intervistati, solo nel 37% dei casi, ne prenderebbero in considerazione l’acquisto. Un dato che scende al 23% se si restringe l’orizzonte temporale ai prossimi 6 mesi.

Al contrario, le auto ibride oggi sono al centro dei desideri per circa 3 italiani su 4, seguite dalle più tradizionali auto a benzina e diesel. “In una situazione di incertezza il consumatore ha bisogno di punti fermi, che si traducono anche nel ritorno di interesse per le alimentazioni tradizionali” ha commentato Luca Montagner, senior advisor di Quintegia.

SHOPPING ONLINE

2 europei su 3 si dichiarano disposti all’acquisto online. Una ricerca condotta da AutoScout24 e presentata durante la seconda giornata dell’Automotive Dealer Day mostra come, ad oggi, la compravendita online rappresenti il 2% del mercato totale. Percentuale in costante crescita, al punto che, entro il 2030, potrebbero essere più di 3 milioni le auto acquistate sul web.

Approfondisci: 4 italiani su 10 sono pronti all’acquisto online, anche su Amazon

Gabriele Maramieri, General Manager Quintegia, parla di “acquisto ibrido. Che prevedrà una dimensione fisica, ma senza dubbio la gran parte delle attività del processo di acquisto si stanno spostando online, trasformando il fisico in qualcosa in più, un valore aggiunto”.

SUCCESSO DIGITALE

Circa 3.000 partecipanti, più di 30 aziende presenti nell’area espositiva digitale e 15 case auto attive. Oltre 50 workshop e 100 relatori, tra programma ufficiale e meeting delle aziende. Questi i numeri dell’appena conclusasi 18° edizione dell’Automotive Dealer Day di Quintegia, che chiude in positivo il suo debutto nel digital, con un format completamente nuovo ma dalle innegabili potenzialità.

Appuntamento al maggio 2021, per una nuova edizione, stavolta si spera dal vivo. Anche se, commenta Mariamieri, “si potrebbe sfruttare ciò appreso quest’anno e pensare a un Automotive Dealer Day ‘ibrido’, dove il digital si unisce all’incontro fisico tra i partecipanti“.

Partecipa alla discussione

Leggi anche