Come funziona il Lane Assist?

Comprare un’auto nuova significa irrimediabilmente avere a che fare con i dispositivi Adas e spesso per i clienti che si approcciano a questo importante acquisto molti degli acronimi utilizzati sono a dir poco sconosciuti. Per questo è importante specialmente per i dealer rimanere aggiornati sui nuovi sistemi di assistenza alla guida e, soprattutto, sul loro funzionamento per istruire nel vero senso della parola i clienti che arrivano in concessionaria.

Lane Assist, il sistema di mantenimento della corsia

In questo articolo analizzeremo il Lane Assist, il sistema di assistenza alla guida che avvisa il conducente distratto del superamento della linea che delimita la propria corsia di marcia. Cercheremo di raccogliere le principali domande e dubbi che possono insorgere a qualsiasi conducente inesperto.  Così si cercano di evitare sinistri provocati da uscite improvvise dalla traiettoria regolare.

CHE COS’È IL LANE ASSIST?

L’ampia diffusione degli Adas è dettata dall’intento di alzare il livello di sicurezza in auto, facilitare la vita dell’automobilista al volante ma anche prevenire gli incidenti, per questo motivo il Lane Assist a partire dal 2020 rientrerà tra l’elenco di sistemi di assistenza alla guida obbligatori a bordo delle auto nuove.

Scopri: i requisiti necessari per essere un buon venditore

Il sistema di mantenimento si corsia, come del resto la maggior parte degli adas, va a supporto del conducente, ma non lo sostituisce. È bene, quindi, tenere a mente che quando si guida l’attenzione e la concentrazione devono rimanere alte e le mani ben salde sul volante.

QUANDO NASCE

Mitsubishi ha iniziato ad adottare l’avviso per il mantenimento di corsia già nel 1992, limitandosi però al solo mercato interno giapponese.

A livello europeo, invece, era concepito inizialmente per la sicurezza dei mezzi pesanti, il sistema infatti ha debuttato sul Mercedes Actros nel 2000.

Leggi anche: il Park Assist è l’adas più richiesto sulle auto nuove

Citroën è stata la prima Casa europa ad adottare il Lane Assist su un’autovettura già nel 2005. Questo sistema però non intervaniva in alcun modo sulla traiettoria, ma bensì serviva solo ad avvisare il conducente dello spostamento involontario di rotta.

La storia del Lane Assist

Negli anni successivi il Lane Assist è stato perfezionato e adottato dalle principali Case automobilistiche,  sia veicoli commerciali che sulle auto, soprattutto dei segmenti superiori. Oggi è presente anche su varie vetture di fascia media, seppure con sigle e nomi differenti.

Dal 2013 è iniziata la diffusione dei sistemi che intervengono attivamente nel riportare il veicolo in carreggiata, fino a quando nel 2015 il Lane Assist è diventato un Adas universale, adottato da tutti i brand.

COME FUNZIONA IL SISTEMA DI MANTENIMENTO DI CORSIA?

Il Lane Assist utilizza una telecamera, collocata dietro il parabrezza (di solito nella parte posteriore dello specchietto retrovisore interno), per monitorare la segnaletica orizzontale.

Leggi anche: auto elettriche e guida autonoma, le officine sono pronte?

In questo modo il sistema rileva le linee continue o tratteggiate che delimitano la corsia di percorrenza, aumentando la sicurezza a bordo.

COME SI ATTIVA IL LANE ASSIST

Ogni auto ha il proprio pulsante per azionare il Lane Assist. Basta premerlo per attivarlo o disattivarlo. Il dispositivo funziona a partire da una velocità di 60-70 km/h.

Come attivare il Lane Assist

È in grado di funzionare anche al buio o in caso di nebbia, ma esclusivamente nei limiti consentiti dalla visibilità offerta dai fari e dalle caratteristiche della telecamera. In questi casi infatti il sistema di mantenimento di corsia avvisa che il funzionamento può essere limitato.

Inoltre, il Lane Assist non funziona quando le strisce di delimitazione della corsia non sono distinguibili.

TUTTI I TIPI DI LANE ASSIST

Ogni Casa costruttrice attribuisce a questo tipo di Adas diversi nomi e acronimi, che spesso possono creare confusione e disorientamento, come Lane Keeping Aid, Active Lane Assist o Lane Assistant.

Il significato intrinseco non cambia, ciascuno di questi offre il medesimo funzionamento, ovvero assistere il conducente nel mantenimento della traiettoria.

Diversi tipi di Lane Assist

C’è però da fare una distinzione sul funzionamento dei sistemi per l’avviso del superamento della corsia di marcia. Ne esistono infatti di due tipo, che sono diversi ma complementari e generalemente vengono identificati con i nomi inglesi Lane Departure Warning e Lane Keep Assist System (LKAS):

  • Lane Departure Warning: avvisa il conducente con un allarme sonoro o una vibrazione del volante qualora venga superata la linea che delimita la corsia
  • Lane Keep Assist System: in modo invasivo interviene anche sullo sterzo, nel caso in cui riconosca un abbandono involontario della corsia, infatti, effettua una leggera controsterzata, correggendo automaticamente la traiettoria e riportando il veicolo in carreggiata

Il Lane Assist non interviene se il conducente utilizza gli indicatori di direzione prima di oltrepassare la segnaletica orizzontale.

Il sistema entra in azione durante la guida in autostrada e sulle strade extraurbane, fino a quelle urbane di scorrimento, ma non nel traffico cittadino.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*