Al Motor Show un pomeriggio dedicato ai concessionari


motor show bologna 2016 concessionari Il Motor Show torna dopo un anno di assenza

Da sempre, è un appuntamento-chiave per la filiera della distribuzione automobilistica. E anche quest’anno non farà eccezione: il Motor Show di Bologna 2016, che alzerà ufficialmente il sipario il prossimo venerdì 2 dicembre (l’apertura al pubblico, successivamente, sarà dal 3 all’11 dicembre), dedicherà il pomeriggio della giornata inaugurale riservata alla stampa e agli operatori (il 2 dicembre, appunto) ai dealer.

GLI APPUNTAMENTI

Nell’ambito della convegnistica del Motor Show di Bologna 2016, infatti, ci sarà, dalle 14 alle 15 del 2 dicembre, un appuntamento organizzato da Anticrisi Day, la Onlus fondata da Umberto Seletto. Il taglio è prettamente economico, come testimonia il titolo “I Conti dei Dealer”. Nell’Area Conference 1, i protagonisti, moderati da Seletto, saranno l’amministratore delegato di Italia Bilanci Fausto Antinucci, il direttore automotive di Findomestic Alessandro Lazzeri e il presidente di Intergea Alberto Di Tanno. Subito dopo, dalle 15 alle 18, sempre nell’Area Conference 1, ci sarà un’edizione straordinaria di Internet Motors, dal titolo Internet MotorShow, organizzata da MotorK. Obiettivo, naturalmente, approfondire il tema del digitale in concessionaria, con un focus particolare sulla customer experience.

IL MOTOR SHOW DI BOLOGNA 2016

Per i concessionari, ovviamente sarà anche l’occasione per visitare la fiera e i modelli presenti. I brand che hanno aderito sono, in totale, 40. Tra le auto in mostra, ci saranno, per fare qualche esempio, la Suzuki Ignis, il Fiat Fullback, la Renault Koleos, la Performance Line di DS e la Lancia Ypsilon MYA. Ci sarà poi ampio spazio ai test drive, con, novità di quest’anno, un’area dedicata ai Suv e ai 4×4. Il ritorno del Motor Show di Bologna 2016, a detta degli stessi organizzatori, punterà soprattutto sulla passione per l’auto degli italiani. Una declinazione non casuale, considerato che la kermesse torna dopo un anno di assenza. E in un momento particolare per il mercato delle quattro ruote che, finalmente, si sta riprendendo da un lungo periodo di crisi.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*