Renault Energy Services: nasce la filiale dedicata alla mobilità elettrica

L’ultima novità che riguarda la Casa della Losanga prende il nome di “Renault Energy Services” ed è una nuova filiale del Gruppo dedicata esclusivamente alla mobilità elettrica. L’obiettivo, più precisamente, è quello di posizionarsi nel settore dell’energia e delle smart grid, elementi portanti della mobilità “green” in cui Renault è impegnata in prima linea.

Approfondisci: terzo anno di partnership tra le concessionarie di Roma e la S.S. Lazio

Nasce la nuova filiale Renault Energy Services

RENAULT ENERGY SERVICES

La nuova filiale, dotata di uno spirito da “start up”, nasce per investire in progetti relativi alle smart grid, o reti elettriche intelligenti, e interfacciarsi con operatori di spicco del settore. Renault Energy Services si focalizzerà essenzialmente su tre punti:

  • sviluppo di progetti di smartcharging, ovvero di ricarica intelligente;
  • interazioni tra veicolo e rete elettrica (vehicle-to-grid);
  • progetti relativi alla seconda vita delle batterie.

LE SMART GRID

La neonata struttura, in primo luogo, intende studiare le reti elettriche intelligenti. Di cosa si tratta? “Una rete elettrica intelligente, o smart grid – spiega Renault – è una rete di distribuzione di elettricità che favorisce la circolazione di informazioni, onde adattare il flusso di elettricità in tempo reale e consentire una gestione più efficace della rete”.

È chiaro, dunque, che la connessione alle smart grid, in prospettiva, consente ai veicoli elettrici Renault di disporre di un’energia meno inquinante e meno costosa.

“Oggi compiamo un passo avanti importante con il lancio di Renault Energy Services. Investire nelle smart grid rappresenta un fattore determinante per potenziare la nostra leadership in Europa nel veicolo elettrico e accelerare il cambiamento di scala di questa industria”.

Gilles Normand, direttore del veicolo elettrico di Renault

Leggi Anche: Renault Zoe raggiunge le mille immatricolazioni in Italia

I TRE PILASTRI DELLA STRATEGIA

La ricarica intelligente, o Smartcharging, modula la ricarica del veicolo in funzione dei fabbisogni dell’utente e dell’offerta di elettricità disponibile sulla rete.

Nei sistemi vehicle-to-grid, le automobili sono in grado di immettere elettricità nella rete in corrispondenza dei picchi di consumo.

Infine, anche dopo la sua “vita automobilistica”, la batteria del veicolo elettrico conserva un’importante capacità di stoccaggio che Renault, ad esempio, può riutilizzare in ambienti meno esigenti, in particolare per lo stoccaggio di energia stazionario.

Leggi Anche: tra CMF e nuove partnership, i piani ambiziosi dell’alleanza Renault-Nissan

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*