AsConAuto e Quintegia: Service Day 2019, torna l’appuntamento clou del post-vendita

Di nuovo insieme. Per sostenere il mondo del service e dei ricambi originali. Dopo il successo dello scorso anno, AsConAuto e Quintegia rinnovano la loro collaborazione per il Service Day 2019: l’evento si terrà venerdì 8 e sabato 9 novembre 2019 a Brixia Forum, Brescia. L’annuncio è arrivato nei giorni scorsi, durante Automotive Dealer Day 2019.

Proprio a Verona Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto, e Luca Montagner, senior advisor di Quintegia, hanno ribadito l’importanza della manifestazione, che sarà focalizzata ancora una volta sulle attività di post-vendita e sulla promozione del ricambio originale.

Presentazione Service Day 2019 Fabrizio Guidi

SERVICE DAY 2019: SECONDO ATTO

“Sarà la seconda edizione di una manifestazione che lo scorso anno ha avuto un grandissimo successo: oltre 2.500 partecipanti, tra autoriparatori (carrozzerie e officine) e Case auto, sono un risultato che alla vigilia era assolutamente inaspettato” spiega Guidi, partendo dai numeri importanti ottenuti da Service Day 2018.

Approfondisci: scopri come era andata l’edizione 2018 dell’evento

“Saremo ancora a Brescia, rispetto allo scorso anno cambiano i giorni (venerdì e sabato), ma il Service Day continuerà ad essere una manifestazione che stimola l’incontro tra le varie componenti del comparto, l’attenzione verso i problemi di marginalità che il service crea, e un rapporto diverso con gli operatori, che vogliono crescere attraverso l’attenzione al cliente e alla qualità della riparazione” aggiunge Guidi.

“Ci aspettiamo un forte interesse da parte degli operatori coinvolti, perchè è il momento di dedicare più attenzione e risorse al settore del service: quindi, gestire meglio i dati che sono già presenti, promuovere iniziative di marketing innovative, anche in chiave digitale, e, soprattutto, fare sforzo in termini organizzativi per capire in quali aree di business si può investire” conferma Montagner.

Stand AsConAuto Automotive Dealer Day 2019

ASCONAUTO E FEDERAUTO

Per AsConAuto, il 2018 si è chiuso con un’importante crescita (+13,5% rispetto al 2017 e una copertura capillare sul territorio nazionale) e queste ultime settimane hanno visto sancire un’importante collaborazione con Federauto, un’unione che può dare maggior peso e significato alle istanze della categoria – ottenendo più attenzione e ascolto da parte degli interlocutori – in particolare nelle sedi istituzionali.

Leggi anche: post vendita e digitale, un binomio che deve ancora crescere. Scopri perché.

“Per noi Federauto è e rimane la rappresentanza istituzionale dei concessionari italiani, mentre AsConAuto si è sempre occupata di post-vendita e servizi, ed è pienamente consapevole che tutta questa attività debba diventare sempre più patrimonio dei concessionari” sottolinea Guidi.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*