Aste di auto usate: cresce il ruolo dei concessionari

Come risparmiare sull'acquisto di auto usate

I concessionari si confermano la principale fonte di approvvigionamento per le aste delle auto usate: il dato di fatto emerge da una ricerca sulle Case d’asta di veicoli d’occasione, effettuata nei mesi scorsi da CWS Digital Solutions.

aste auto usate

Per approfondire queste statistiche di primaria importanza abbiamo interpellato Basilio Velleca, uno dei massimi studiosi del mercato dell’usato in Italia, autore del libro “Usato 2021: il futuro dietro le spalle”, pubblicato recentemente dal Corporate Vehicle Observatory di Arval.

Velleca ha un’esperienza trentennale nel mondo dell’auto, è responsabile della divisione consulting della società CWS Digital Solutions, che pubblica annualmente il Car & LCV Market Study & Forecast, l’unico studio previsionale (a cinque anni) del mercato delle vetture nuove ed usate.

Approfondisci: quale sarà il futuro del mercato dell’usato in Italia?

ASTE DI AUTO USATE: UN FENOMENO IN CRESCITA

Lo studio testimonia che le società di aste di auto usate (Autorola, Manheim, BCA e CarsOnTheWeb) si stanno affermando sempre di più, anche in Italia. La loro crescita nel nostro Paese è continua, pari all’8,8% annuo dal 2012 al 2017.

Questi player svolgono un ruolo di fondamentale importanza per il comparto delle auto di seconda mano: nel 2017 hanno intermediato, per i principali operatori di settore, ben 26.395 vetture di seconda mano, consentendo una gestione professionale degli stock e fornendo un aiuto importante sia all’offerta sia alla domanda di veicoli d’occasione dei trader italiani ed esteri.

“Queste aziende credono fermamente nello sviluppo del mercato italiano e prevedono tassi di crescita CAGR (Compound Annual Growth Rate) del proprio business del 18,6% per il periodo 2018-2022” spiega Velleca.

TABELLA 1: LA CRESCITA DELLE ASTE DI AUTO USATE IN ITALIA

Vendita auto  all’asta 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 (stima) Crescita 2012-2017 Crescita 2018-2022 (stima)
Totale 17.335 17.280 19.768 21.747 24.235 26.395 31.499 8,8% 18,6%
Crescita sull’anno precedente -0,3% 14,4% 10% 11,4% 8,9% 19,3%

Leggi anche: come funzionano le aste? La nostra intervista a BCA

L’APPROVVIGIONAMENTO DELLE AUTO USATE

L’evoluzione delle fonti d’approvvigionamento delle Case d’asta segue i cambiamenti che sono occorsi negli ultimi anni nel mercato delle auto usate. Agli inizi del 2012, il noleggio a lungo termine rappresentava il canale di approvvigionamento più importante con una quota del 35,5% seguito da leasing e dealer (rispettivamente 23,9 e 23,7%), e dalle Case costruttrici, che contribuivano con una quota del 16,9%.

TABELLA 2: LE FONTI DI APPROVVIGIONAMENTO 

2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 (stima) Crescita 2012-2017 Crescita 2018-2022 (stima)
Leasing/soc./varie 4.136 3.913 4.422 4.641 5.025 5.100 5.202 4,3% 11,6%
OEM 2.395 2.994 3.385 3.569 3.845 3.269 3.641 2,2% 12,5%
Nlt 6.150 4.280 4.735 5.059 5.788 7.122 8.338 3,0% 16,0%
Dealer 4.113 6.093 7.225 8.477 9.576 10.904 14.318 21,5% 24,2%
Totale 17.335 17.280 19.768 21.747 24.235 26.395 31.499 8,8% 18,6%

Nel 2017 i concessionari si sono affermati come la fonte principale con una quota pari al 41,3%. Per converso, è diminuito il peso del Nlt di 8,5 punti percentuali. Ciò è dovuto alle tendenze convergenti delle società di noleggio a lungo termine ad utilizzare piattaforme proprietarie d’asta per la vendita dei rientri da fine contratto e all’aumento del trade-in dei concessionari, legato all’evoluzione positiva del mercato.

Leggi anche: i numeri di CarsOnTheWeb

Secondo le proiezioni, quest’orientamento (ovvero la crescita dei dealer come fonte di approvvigionamento di veicoli usati) si rafforzerà ulteriormente, a scapito della diminuzione d’importanza delle altre fonti, nel quinquennio 2018-2022, in coerenza con l’andamento del mercato previsto dal Car Market Study & Forecast 2018-2022.

Partecipa alla discussione

Leggi anche

PREMIUM PARTNER
NEWSLETTER

Approfondimenti sul mercato auto

I più letti