Contauto Due: bilancio positivo e una nuova sede in arrivo

Una nuova sede in arrivo e tante novità in rampa di lancio per il concessionario Contauto Due. Il dealer Peugeot, che di recente ha acquisito anche il mandato Citroen, è in procinto di presidiare ulteriormente il territorio campano con una nuova struttura a San Marco Evangelista, comune situato a Caserta Sud, collocato strategicamente vicino al centro commerciale Campania.

Concessionario Contauto Due

La nuova sede si aggiunge così alla storica struttura di Teverola, risistemata dopo sei anni per mostrare anche visivamente la presenza in concessionaria del secondo brand francese, e alla sede di Caserta inaugurata nel 2014.

L’ANDAMENTO DEL 2017

La concessionaria Contauto Due, in questi primi nove mesi dell’anno, sta vivendo un periodo decisamente positivo. Lo dimostrano i numeri forniti dal suo titolare, Maurizio Conte: “Da inizio anno – spiega – abbiamo venduto e immatricolato quasi 850 unità tra vetture e veicoli commerciali, in crescita del +10-15% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Si lavora molto con le auto in pronta consegna ed è aumentato il fatturato medio per vettura“, sottolinea Conte. Un segno evidente che i clienti scelgono allestimenti e dotazioni tecnologiche sempre più ricche, incoraggiati in questo dai prodotti sempre più sofisticati messi in commercio da Peugeot e Citroen.

La ragione di questo successo? “Per le vetture – risponde il titolare della concessionaria Contauto Due – è l’interessante politica di pricing continuativa fatta dal Gruppo PSA; per i veicoli commerciali una scelta di campo compiuta diversi anni fa, che ha portato Peugeot e Citroen ad essere la prima scelta nella nostra area”. Senza contare lo stimolo ulteriore rappresentato da Superammortamento e da Legge Sabatini.

LOTTA ALLE KM ZERO

Se la situazione della Contauto è molto positiva, secondo Conte non è esattamente lo stesso per tutto il settore. E’ vero, infatti, che i dati di mercato evidenziano una crescita a doppia cifra (+15,8% nel mese di agosto). Però “le km zero stanno varcando una soglia molto alta – denuncia il concessionario -. Noi cerchiamo di evitarli: da inizio anno non ne abbiamo immatricolato e i nostri numeri esprimono solo vendite dirette a clienti privati o aziende”.

Approfondisci: auto a km zero, un fenomeno sempre più diffuso

ATTENZIONE AL CLIENTE

Quel che è certo è che il cliente è cambiato. Oggi conosce perfettamente il prodotto e i prezzi. Ecco perché bisogna coinvolgerlo con uno showroom emozionante, personale qualificato, le giuste tecniche di vendita e, soprattutto, tanta attenzione.

“Oggi, per vendere automobili, c’è bisogno di tre fattori – conferma Conte, citando il naturalista Hippolyte Taine -: la razza, e dunque le competenze delle risorse umane; l’ambiente, inteso come capacità di accogliere le persone nello showroom; e il momento storico, individuando la fase più adatta nella quale incidere sul cliente”. Una lezione che pare aver dato i suoi frutti.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*