E-commerce e dealer: la case history digitale di Contauto Due

Vendere auto online attraverso un processo che inizia e termina totalmente sul web? Per la concessionaria Contauto Due, che rappresenta i brand Peugeot e Citroen in provincia di Caserta, oggi è una realtà.

A rendere perfettamente praticabile il canale dell’e-commerce, in primis, è stata l’inaugurazione del nuovo sito internet.

Approfondisci: Contauto Due, bilancio 2017 positivo e una nuova sede (quasi) in arrivo

Concessionaria Contauto Due: ecommerce

WEBSPARK

“Prima – racconta Maurizio Conte, CEO della Contauto Due – era l’unità Digital interna alla concessionaria a occuparsi della creazione e costruzione del nostro sito web. Dal giugno scorso, siamo online con il nuovo portale realizzato da DriveK e, su alcune linee, stiamo testando per loro la nuova piattaforma WebsparK“.

Finora, conferma l’imprenditore, la sperimentazione sta andando alla grande. I contenuti tecnologici innovativi apportati dalla piattaforma di DriveK, infatti, stanno portando una grande visibilità online al sito web di Contauto. “Webspark – spiega Conte – snellisce il nostro lavoro, permettendo di trasferire automaticamente le promozioni dal sito di Casa madre al nostro”.

Ma c’è tanto altro. Dalla chat online, che permette di interagire con l’utente in tempi diversi dagli orari di lavoro, alla grande customizzazione del sito e a una SEO experience nettamente migliorata sia nella parte visuale che in quella dinamica. Oltre, ovviamente, al configuratore classico, storico punto di forza di DriveK. Tutto questo, chiosa il CEO della concessionaria Contauto Due, “ci ha permesso di velocizzare il percorso con il cliente”.

L’ECOMMERCE DELLA CONCESSIONARIA CONTAUTO DUE 

Da qui alla vendita online delle automobili il passo è breve. E infatti, il 12 agosto 2017 segna l’ingresso dell’ecommerce nel business dell’azienda. Fondamentale, secondo Conte, è “non far sentire il cliente incapsulato in un processo”. Per evitare questo rischio, Contauto Due ha messo in campo più opzioni, ferma restando la possibilità di prenotare una vettura in offerta versando un acconto di 250 euro con Paypal.

Se dopo l’acconto si vuole completare il processo di acquisto online, entra in scena Findomestic, che censisce il cliente e rilascia un feedback sull’esito positivo del finanziamento. Qualora, invece, il cliente non sia convinto del modello bloccato, potrà recarsi in concessionaria per vedersi restituire i soldi versati o, eventualmente, per dirottarli su un’altra vettura di maggiore interesse.

Leggi Anche: il Gruppo PSA dà il via alla vendita online di veicoli nuovi in Francia

Per la consegna, in entrambi i casi, i clienti dovranno recarsi in concessionaria. Un passaggio importantissimo per aumentare o costruire la fidelizzazione da parte del dealer in altri ambiti, come il post vendita.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*