Per quasi tre italiani su quattro l’auto è ancora un bene da possedere

I dati analizzati dal Gruppo Autotorino ribadiscono la centralità dell’auto di proprietà e del concessionario dove l’87% degli intervistati preferisce acquistarne una. Il 73% dei consumatori considera ancora oggi l’automobile come un bene da possedere e, nonostante la costante crescita degli acquisti online, l’87% degli italiani preferisce ancora affidarsi ai concessionari fisici per acquistare la propria auto.

È quanto traspare dai dati dell’Osservatorio Findomestic che il Gruppo Autotorino, il principale dealer automotive italiano di riferimento, ha rielaborato e analizzato. Sempre secondo queste stime ben 1 italiano su 4 non conosce le differenze tra i vari modelli di ibrido.

Approfondisci: Mercato dell’auto, è possibile una ripresa senza ulteriori incentivi?

L’ANALISI DEI DATI

Indagando su questo 73% di consumatori che considera l’automobile un bene da possedere, le motivazioni che si scoprono sono svariate. Per il 50% avere una propria auto significa godere di maggiore libertà di movimento, per il 47% è tuttora indispensabile possederne una nella quotidianità, è una comodità (per il 47%), mentre risulta essere il mezzo che offre maggior sicurezza in tempi di pandemia per il 33%.

Diciolla riflessioni fine anno

Proprio durante l’emergenza sanitaria, gli acquisti online hanno visto un’ulteriore crescita ai propri numeri toccando vette mai raggiunte. Tuttavia, si sa, gli italiani sono conservatori, per cui ben l’87% di essi preferisce ancora affidarsi alla consulenza e alla sicurezza dei concessionari fisici per acquistare la propria auto. Ciò che risulta fondamentale è infatti la possibilità di essere seguiti in tutte le fasi, dalla scelta alla configurazione, fino alla trattativa e al pagamento. Un trattamento deluxe che non si ritrova in altre modalità di acquisto.

Il 17% degli intervistati è propenso a scegliere il modello e la configurazione della nuova auto online per poi rivolgersi a un dealer per le fasi finali del processo di acquisto. Mentre solo il 12% preferisce studiare, scegliere ed acquistare la nuova vettura online, recandosi in concessionaria solo all’ultimo momento del ritiro.

Leggi anche: Nel 2030 il 10% delle auto si acquisteranno online

SU COSA SI BASANO LE SCELTE DEGLI ITALIANI PER LE AUTO?

Escludendo il prezzo, ciò che influenza maggiormente la scelta di comprare un’auto o un’altra risulta essere il tipo di alimentazione. È così infatti per il 63% degli italiani, per il 54% invece a fare la differenza sono le dotazioni di sicurezza, mentre solo il 38% si lascia guidare dalle prestazioni di guida.

Lo stato dell’arte dell’industria automotive italiana è rappresentato però anche da un altro numero. Per oltre i due terzi dei consumatori infatti, la scelta di una nuova auto ricadrebbe ancora su un veicolo dotato di motore termico (benzina/diesel o in abbinamento a trazione elettrica/metano/GPL), nonostante comunque il 37% dichiara di voler scegliere in futuro un’auto ibrida.

ABB soluzioni concessionari auto

Anche se solo il 25% ammette di conoscere con sicurezza la differenza tra le varie soluzioni che caratterizzano queste motorizzazioni (full hybrid, plug-in, mild hybrid). Manca dunque un po’ di informazione, un tramite che permetta al cliente di conoscere a pieno le possibilità che gli si presentano davanti.  È qui che il concessionario ribadisce la propria forza. Rappresenta, e rappresenterà anche in futuro infatti, un punto di riferimento imprescindibile. Tanto che per circa la metà degli intervistati è il posto dove chiedere consulenze, provare l’auto che si desidera e ricevere informazioni su di essa, sull’utilizzo e la manutenzione e sui suoi relativi costi.

Per il futuro del settore però c’è ancora molto da fare. Ad oggi una soluzione come quella rappresentata dall’auto 100% elettrica, viene presa in considerazione soltanto da una nicchia (il 10%). Ciò accade sicuramente a causa del prezzo di acquisto reputato troppo alto (per il 46%) ma anche per un percepito generale che non crede di poter avere a disposizione molti punti di ricarica pubblici e quindi di non poter intraprendere viaggi lunghi.

Per saperne di più: Auto elettriche e ibride, 9 italiani su 10 sono pronti ad acquistarle

Un’ultima conferma sull’intenzione dei consumatori di avere, anche in futuro, un’auto di proprietà, sono i dati sulle modalità di pagamento: il 36%, infatti, dichiara di preferire il pagamento rateizzato e il 20% di voler pagare subito l’intera cifra. Gli italiani che si affidano a soluzioni di pagamento diverse, come il noleggio a lungo termine (9%) e il leasing (5%), sono ancora pochi come si percepisce dai numeri.

Partecipa alla discussione

Leggi anche