Le alimentazioni alternative? Crescono anche nel noleggio

Nei giorni scorsi abbiamo approfondito la crescita delle alimentazioni alternative all’interno del mercato dell’auto (leggi gli ultimi dati). Un settore che si sta trasformando in una risorsa sempre più importante per i concessionari.

auto ibride e alimentazioni alternative guidano la classifica delle auto più noleggiate su Hurry

Bene, le auto green adesso cominciano ad ottenere riscontri degni di nota anche nel mondo del noleggio. Sono proprio le alimentazioni alternative, infatti, a guidare la top ten delle nuove auto più noleggiate nel primo semestre 2018 su Hurry, la piattaforma e-commerce dedicata alla mobilità partner di ALD Automotive (leggi il nostro approfondimento su Hurry for Dealers).

Approfondisci: noleggio e concessionari, un matrimonio che s’ha da fare

LE ALIMENTAZIONI ALTERNATIVE CONQUISTANO IL NOLEGGIO

In cima alla graduatoria delle auto più noleggiate su Hurry nel primo semestre 2018, c’è l’Audi A3 Sportback a metano,  seguita a poca distanza dalla Mini Countryman All4 i Hybrid. Podio anche per la Toyota CH-R Hybrid. Quattro posizioni più sotto, c’è la giapponese Toyota Yaris. Segno che le alimentazioni alternative, ormai, sono sdoganate presso il grande pubblico.

Audi A3 Sportback g-tron

Per il resto, Suv e crossover completano la top ten di Hurry: dalla Nissan Qashqai alla Opel Mokka X, dalla Mercedes GLA alla Nissan X-Trail. Ci sono pure la Smart Fortwo e la Mercedes Classe A.

Leggi anche: l’indagine di Quintegia sugli italiani e il noleggio

IL RENTING PIACE AGLI ITALIANI

In generale, il noleggio a lungo termine è una formula che piace molto agli italiani: Hurry, non a caso, ha chiuso il primo semestre del 2018 con prenotazioni in aumento del 35% rispetto allo stesso periodo del 2017.

“La certezza di guidare sempre un’auto nuova, insieme alla manutenzione programmata e ai tanti servizi inclusi nel canone mensile, oltre a garantire una mobilità ‘zero pensieri’ contribuisce in maniera tangibile alla riduzione delle emissioni di CO2 – ha commentato dichiarato Alberto Cassone, presidente di Hurry – Se si sommano i vantaggi legati all’alimentazione ibrida, che in alcuni comuni viene agevolata in termini di parcheggi e ZTL, risulta chiaro perché stia diventando un trend di successo”.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*