Automotive Dealer Day 2020: posticipato a settembre

Automotive dealer day 2020 è previsto dal 19 al 21 maggio a Verona

La 18a edizione di Automotive Dealer Day è stata posticipata a settembre, nel rispetto delle norme di contenimento del Coronavirus.

L’evento numero uno in Europa per concessionari, Case auto e operatori della filiera, firmato Quintegia in calendario a maggio 2020, si svolgerà invece da 15 al 17 settembre.

Un appuntamento ormai di rito per i protagonisti del settore automotive, che come ogni anno colgono l’occasione per incontrarsi e confrontarsi sui temi più caldi e di maggior interesse.

Leggi anche: gli impatti del Coronavirus in Italia

AUTOMOTIVE DEALER DAY 2020: NUOVO SAVE THE DATE

A circa due mesi dall’edizione 2020 di ADD, l’emergenza Covid-19 ha imposto una riorganizzazione dell’evento, posticipandolo di qualche mese, per garantire la massima sicurezza a tutti gli operatori, partecipanti e ospiti presenti.

Leggi anche: com’è andata l’ultima edizione del Service Day 2019

Automotive Dealer Day 2019

Rimangono comunque tante novità per l’edizione 2020, a partire dal programma contenuti, dove verranno esposti spunti per il business automotive, attraverso workshop, roundtable e masterclass di approfondimento.

Leggi anche: il bilancio della scorsa edizione di ADD

ADD 2020 vuole da un lato presentare l’evoluzione dell’ecosistema automotive, ponendo l’accento sui suoi sistemi e prodotti innovativi, e dall’altro fornire strumenti e soluzioni pratiche da adottare immediatamente in azienda.

LE EDIZIONI PASSATE DI AUTOMOTIVE DEALER DAY

Con quasi 5 mila presenze, la scorsa edizione dell’Automotive Dealer Day ha confermato il successo del format ideato da Quintegia.

Soprattutto l’intervento dell’ex vicepremier Matteo Salvini, che proprio in occasione dell’ADD19 aveva discusso della possibilità di portare la detrazione delle auto aziendali al 100%, in linea con molti Paesi europei.

Un tema questo decisamente attuale, specialmente per le recenti critiche mosse alla bozza della Legge di Bilancio 2020, che inizialmente voleva invece aumentare la pressione fiscale proprio sulle auto aziendali.

Partecipa alla discussione

Leggi anche