Il noleggio auto sbarca sul territorio: cosa faranno i concessionari?

Il noleggio auto diventa sempre più capillare sul territorio. Di conseguenza, viene da chiedersi: quale sarà il ruolo dei concessionari? Proporranno sempre di più il noleggio a privati e piccole e medie imprese, oppure, al contrario, saranno soprattutto i punti vendita dei noleggiatori stessi, dislocati per l’Italia, ad offrire a questi clienti il renting, togliendo di fatto ai concessionari una piccola “fetta” di business?

Noleggio auto sul territorio

Non c’è una risposta univoca a queste domande. Un fatto è certo: i concessionari sono destinati a trasformarsi sempre più in hub di mobilità. E, quindi, in quest’ottica il noleggio auto diventerà una parte integrante dell’attività di Salone. La conferma è arrivata dalla stessa Federauto, che lo scorso anno ha inserito per la prima volta il renting come punto imprescindibile da sviluppare nel prossimo piano poliennale.

UN NOLEGGIO AUTO SEMPRE PIU’ CAPILLARE

Il mondo del noleggio auto, però, oltre a puntare sulle partnership con i concessionari, sembra muoversi anche in un’altra direzione: stanno nascendo infatti sempre più punti fisici sul territorio, emanazione diretta delle società di noleggio. Stiamo parlando, per fare qualche esempio, dei Base ALD e degli Arval Store.

Progetti che, nel caso di Arval, coinvolgono sì un grande gruppo della distribuzione automobilistica (Intergea), ma che di fatto portano il nome della società di noleggio. Centri che nascono già specializzati sul noleggio auto, mentre i dealer, come sappiamo, stanno lavorando (ma devono lavorare ancora molto) su questa specializzazione. Parlare di concorrenza, forse, è esagerato, ma altre domande sorgono spontanee: cosa faranno i concessionari di fronte a questa espansione del noleggio a lungo termine sul territorio? Continueranno ad essere il braccio armato dei noleggiatori, oppure lo saranno meno di prima?

Leggi anche: concessionari e noleggio, il matrimonio s’ha da fare

IL RUOLO DEI DEALER

Di certo, il ruolo di leadership dei dealer sul territorio non è in discussione. I concessionari continueranno ad essere un punto di riferimento per i loro clienti, specie per le piccole e medie imprese e per i privati che guardano al noleggio sempre con maggiore interesse. In questo senso, i punti dei noleggiatori sul territorio non possono contare sull’esperienza decennale che i concessionari possiedono nelle loro zone di competenza.

concessionario cliente noleggio auto

Allo stesso tempo, però, la sensazione è che i clienti che sceglieranno il noleggio auto non si rivolgeranno solo al dealer. Andranno anche nei citati punti di noleggio e, come accade già oggi, in parte utilizzeranno ancora il canale dei broker. La direzione sembra essere quella di un universo del “canale indiretto” sempre più complesso, proprio perché andrà a coincidere in parte con quello diretto. Tradotto: se i noleggiatori, come è assodato, vogliono puntare sempre più su privati e piccole e medie imprese, lo devono fare anche e soprattutto in prima persona, e non solo tramite l’intermediazione di concessionari e broker.

Leggi anche: il boom del renting ai privati

In questo contesto molto competitivo, il dealer, da una parte, è chiamato a puntare sul noleggio, dall’altra, però, lo deve fare nella maniera giusta, puntando sulla proposizione diretta del servizio e sulla specializzazione. Solo così, il business potrà essere redditizio e complementare a quello tradizionale della vendita.

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*