Free Sundays Citroën, un nuovo concetto di porte aperte

Con Free Sundays Citroën, per la felicità di non pochi venditori auto, si affaccia un’alternativa ai classici porte aperte domenicali. La questione è semplice: nel mese di aprile, il brand francese ha deciso di rinunciare all’apertura festiva per dirottare clienti e collaboratori verso la scoperta delle bellezze del nostro Paese.

L’iniziativa è stata lanciata in collaborazione con il progetto Bandiere arancioni del Touring Club Italiano ed è in linea con l’approccio audace e creativo di Citroën, riassunto nel motto “Be Different, Feel Good”. Lo scopo, in sintesi, è quello di invitare a trascorrere le domeniche di aprile – anziché in concessionaria –  alla scoperta di oltre 200 borghi sparsi su tutto il territorio nazionale selezionati per le loro eccellenze storiche, culturali e ambientali.

Leggi Anche: Citroën, prosegue a pieno ritmo il rinnovamento degli showroom

FREE SUNDAYS CITROËN

Il marchio d’Oltralpe, che ha fatto dell’Italia la sua seconda casa, ha optato per una scelta di rottura. Una decisione originale e fuori dagli schemi dei classici porte aperte, visto che oggi la maggior parte delle Case auto apre i propri punti vendita anche la domenica.

“Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa, un segnale concreto a dimostrazione dell’attenzione che abbiamo verso la qualità della vita delle persone. Un progetto importante che coinvolge il 100% della nostra forza vendita, per oltre 1.000 collaboratori”.

Angelo Simone, direttore del brand Citroën in Italia

Le concessionarie, ad ogni modo, resteranno aperte dal lunedì al sabato per far scoprire l’intera gamma del brand. Con un’attenzione particolare verso le novità presenti nei Saloni: la nuova Cactus appena lanciata e le due bestsellers C3 e C3 Aircross.

LA PAROLA A VENDITORI E DEALER

Per massimizzare la visibilità dell’iniziativa, alcune concessionarie sono ricorse a un originale rivestimento delle vetrate esterne con gigantografie delle più vicine località Bandiere arancioni del Touring Club Italiano, accompagnate da un messaggio che esorta a recarsi a scoprirle durante i “Free Sundays Citroën” di aprile.

Free Sundays Citroen

Mentre l’entusiasmo di alcuni venditori li ha resi veri e propri testimonial dell’iniziativa sui social del brand. Protagonisti di simpatici “video pillole” girati durante le loro gite domenicali, raccontano con entusiasmo la loro esperienza presso le Bandiere arancioni e invitano gli italiani a fare lo stesso.

PORTE APERTE DOMENICALI, PRO E CONTRO

L’iniziativa dei Free Sundays Citroën è di certo molto apprezzata da una larga fetta di venditori. Abbiamo parlato in maniera approfondita, in passato, dei pro e contro dei porte aperte, in riferimento all’impatto negativo che spesso hanno sui dipendenti della concessionaria.

Da una parte, le aperture domenicali dei Saloni forniscono l’opportunità concreta di un contatto tra clienti e venditori e sono uno dei principali strumenti utilizzati dalle Case per costruire la propria brand awareness sul territorio. Dall’altra parte, i detrattori del porte aperte lo reputano un dispendio inutile di tempo ed energie da parte dei venditori della concessionaria.

Da questa diatriba, sicuramente i Free Sundays Citroën escono vincenti. Chissà che, il loro successo, non gli faccia avere un futuro…

Leggi Anche: il successo del porte aperte di Alfa Romeo Stelvio

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*